Bosco Ginkgo Zafferano Marco Sarandrea - Furgoni pronti per le consegne -1960 circa -archivio fotografico Marco Sarandrea all'imbottigliamento - 1950 circa -archivio fotografico Prunella Marco Sarandrea- La prima sede- archivio fotografico Marco Sarandrea- Collaboratrici al lavoro -1950/1960- archivio fotografico
Piante officinali
A - B - C - D - E - F - G - H - I - J - K - L - M - N - O - P - Q - R - S - T - U - V - W - X - Y - Z
Tiglio - Tilia tomentosa Moench

TIGLIO


 


Famiglia: Tiliaceae


Specie: Tilia tomentosa Moench. sin. Tilia argentea Desf.


Habitat: Coltivato, nei giardini e nei viali.


Parte utilizzata: Fiori e brattee/ gemme


Epoca di raccolta: Inverno l’alburno, primavera le gemme, estate i fiori.


 


Albero alto fino a 20-25 metri da tutti gradito per l’ombra e il fresco della sua ampia chioma. Le foglie sono grandi, resinose e di forma cuoriforme appuntita con pagina inferiore più chiara o argentata. I fiori gialli e profumatissimi sono in gruppi sormontati da una caratteristica brattea grigio verde ripiegata.


 


Curiosità


Tiglio, deriva dal greco "ptilon", che vuol dire ala, in riferimento alla brattea a cui sono attaccati i frutti peduncolati e pendenti e mediante questa vengono diffusi dal vento.


 


Principi attivi:


Olii essenziali fino allo 0,04% (farnesolo, geraniolo, eugenolo, alcol feniletilico, idrocarburi alifatici), flavonoidi (quercitina, esperidina, astragalina, tiliroside, cmferitrina), proantocianidine, leucoantocianidine, eterosidi cumarinici (fraxoside, esculoside), mucillagini, pectine, saponine, tannini, acido caffeico, acido clorogenico, vitamina C.


 


Uso interno (Soluzione idroalcoolica dei fiori e delle brattee)


I fiori e le brattee dei tiglio possiedono proprietà leggermente ipnotiche, spasmolitiche, ipotensive, stomachiche, colagoghe, diaforetiche e diuretiche.


Indicazioni: Stati di insonnia e ansietà, spasmi nervosi, palpitazioni cardiache, dispepsie, ipertensione.


Posologia: 50 gocce in poca acqua dopo i pasti principali. In caso di insonnia: 60 gocce in poca acqua la sera prima di coricarsi.


 


Note: I fiori possiedono attività estrogenica mentre i frutti tendono ad avere una più efficace azione ipotensiva. L’infuso di tiglio è uno dei migliori preparati. Vi sono anche preparati che utilizzano come droga l’alburno (parte rossastra della corteccia posta al di sotto della parte sugherosa).


 


Uso interno (Gemmoderivato delle gemme)


Il gemmoderivato esplica azioni spasmolitiche, ipnotiche, sedative generali e antispasmodiche.


Indicazioni: Insonnia, ansietà, palpitazioni e tachicardia, ipertensione arteriosa da stress, coliche gassose dei neonati.


Posologia: 30 gocce in poca acqua tre volte al giorno lontano (al mattino, dopo pranzo e la sera prima di coricarsi.


 


Droghe sinergiche: CAMOMILLA, CARCIOFO, CARDO MARIANO, ESCOLZIA, FUMARIA, GINESTRINO, MELISSA, PASSIFLORA, SAMBUCO. Gemmoderivati sinergici: BINACOSPINO, ACERO CAMPESTRE, MIRTILLO ROSSO.


 


Tisana


Infuso dei fiori e brattee al 3% per 10 minuti.


 


Avvertenze ed effetti indesiderati: non segnalati.


 


 


 


I testi sono coperti da diritti d’autore e possono essere utilizzati solo per consultazione in quanto gli autori (Marco Sarandrea e Walter Culicelli) li hanno autorizzati solo a questo scopo



*
*