Bosco Ginkgo Zafferano Marco Sarandrea - Furgoni pronti per le consegne -1960 circa -archivio fotografico Marco Sarandrea all'imbottigliamento - 1950 circa -archivio fotografico Prunella Marco Sarandrea- La prima sede- archivio fotografico Marco Sarandrea- Collaboratrici al lavoro -1950/1960- archivio fotografico
Piante officinali
A - B - C - D - E - F - G - H - I - J - K - L - M - N - O - P - Q - R - S - T - U - V - W - X - Y - Z
Tarassaco-Taraxacum officinale Weber

TARASSACO


 


Famiglia: Compositae (Asteraceae)


Specie: Taraxacum officinale Weber


Habitat: ovunque nei prati, ai bordi delle strade e gli incolti.


Parte utilizzata: Pianta intera fiorita.


Epoca di raccolta: Primavera.


 


Pianta erbacea perenne alta fino a 30-40 cm. piuttosto variabile e provvista di una grossa radice a fittone bianca all’esterno e scura all’interno. Le foglie formano una fitta rosetta basale e sono a lamina lanceolata profondamente lobate all’apice dove i lobi formano dei denti paragonati a zanne di leone (da qui l’altro nome comune “Dente di leone”). Dal centro della rosetta, portato dallo scapo si erge un capolino solitario, composto da fiori ligulati giallo dorati. I frutti: sono acheni grigiastri, sormontati da un pappo di setole bianche, il caratteristico globo piumoso dal quale deriva un altro dei nomi volgari della pianta “soffione”.


 


Curiosità
L’etimologia del nome del genere “Taraxacum” forse deriva dal persiano “erba amara”, o dal greco “taraxis”= guarisco con riferimento alle proprietà medicinali della pianta , a cui peraltro si riferisce anche il nome specifico. Molto spesso le foglie di tarassaco vengono raccolte come cicoria anche se sono comunque ottime.


 


Principi attivi:


Triterpeni (taratolo, taraxerolo, beta amirina, armidiolo), steroli (stigmasterolo, beta sitosterolo), sesquiterpeni lattonici (taraxacoside, germacranolide, tetraidroridentina B), Carotenoidi (luteina, violaxantina, tarassicina, flavoxantina, criptoxantina), acidi fenolici (caffeico, p-idrossifenilacetico), amminoacidi, inulina, pectine, colina, vitamine (A, B1, B2, C).


 


Uso interno (Soluzione idroalcoolica)


Il Tarassaco è un depurativo generale e possiede proprietà toniche generali, eupeptiche, coleretiche, colagoghe, lassative, diuretiche, ipocolesterolemizzanti e ipoglicemizzanti.


Indicazioni: Colecistiti, epatocolecistopatie, stipsi, litiasi biliare, reumatismi, acne, cellulite, edemi, ipercolesterolemia, obesità da ritenzione idrica, iperuricemia, diabete, anoressia.


Posologia: 50 gocce in poca acqua tre volte al giorno prima o lontano dai pasti.


 


Tisana


Infuso al 3% lasciato in acqua bollente per 10-15 minuti.


 


Droghe sinergiche: ACHILLEA, BETULLA, BOLDO, CARCIOFO, CICORIA, FRASSINO, FUMARIA, LUPPOLO, MAIS, MARRUBIO, ORTICA, PASSIFLORA, PILOSELLA, SPIREA


 


Avvertenze ed effetti indesiderati: Non segnalati


 


I testi sono coperti da diritti d’autore e possono essere utilizzati solo per consultazione in quanto gli autori (Marco Sarandrea e Walter Culicelli) li hanno autorizzati solo a questo scopo



*
*