Bosco Ginkgo Zafferano Marco Sarandrea - Furgoni pronti per le consegne -1960 circa -archivio fotografico Marco Sarandrea all'imbottigliamento - 1950 circa -archivio fotografico Prunella Marco Sarandrea- La prima sede- archivio fotografico Marco Sarandrea- Collaboratrici al lavoro -1950/1960- archivio fotografico
Piante officinali
A - B - C - D - E - F - G - H - I - J - K - L - M - N - O - P - Q - R - S - T - U - V - W - X - Y - Z
Segale-Secale cereale L.

SEGALE


 


Famiglia: Graminaceae


Specie: Secale cereale L.


Habitat: Coltivazioni


Parte utilizzata: giovani radici.


Epoca di raccolta: Primavera


 


Simile al frumento con culmi robusti alti fino a 150 cm, foglie strette e glauche con spighe apicali compatte e con lunghe setole (Ariste). Le Cariossidi sono allungate di colore dal giallo al bruno olivastro.


 


Curiosità


Segale, dal latino “Secale” deriva da “Secare” = tagliare e quindi mietere. Anticamente, per la robustezza dei culmi, la paglia veniva usata come copertura dei tetti.


 


Uso interno (Gemmoderivato delle giovani radici)


Le giovani radici in gemmoderivato agiscono specificatamente con azione rigeneratrice sull’epatocita.


Indicazioni: epatiti acute e croniche con alti valori delle transaminasi, cirrosi epatica.


Posologia: 30 gocce in poca acqua tre volte al giorno prima dei pasti.


 


Droghe sinergiche (gemmoderivati): GINEPRO, ROSMARINO


 


Avvertenze ed effetti indesiderati: non segnalati.


 


I testi sono coperti da diritti d’autore e possono essere utilizzati solo per consultazione in quanto gli autori (Marco Sarandrea e Walter Culicelli) li hanno autorizzati solo a questo scopo



*
*