Bosco Ginkgo Zafferano Marco Sarandrea - Furgoni pronti per le consegne -1960 circa -archivio fotografico Marco Sarandrea all'imbottigliamento - 1950 circa -archivio fotografico Prunella Marco Sarandrea- La prima sede- archivio fotografico Marco Sarandrea- Collaboratrici al lavoro -1950/1960- archivio fotografico
Piante officinali
A - B - C - D - E - F - G - H - I - J - K - L - M - N - O - P - Q - R - S - T - U - V - W - X - Y - Z
Saponaria-Saponaria officinalis L.

SAPONARIA


 


Famiglia: Caryophyllaceae


Specie: Saponaria officinalis  L.


Habitat: Luoghi freschi, frequentemente lungo i fiumi e fossi.


Parte utilizzata: Pianta fiorita.


Epoca di raccolta: Primavera-estate


 


Pianta erbacea perenne, alta sino a 60-80 cm. con fusti arrossati ascendenti e rizomi striscianti. Gli steli sterili o semplici hanno foglie opposte, ovali, oblunghe e ricurve. Le inferiori brevemente picciolate , le superiori sessili e opposte ai nodi, ricoperte di peli corti o glabre, rugose sugli orli, con 3 nervature rilevate. I fiori di colore rosa più o meno intenso, con 5 petali appena smarginati , calice violaceo, tubuloso e pubescente, sono riuniti in cime compatte alla sommità degli steli.


 


Curiosità
Il nome deriva dal latino”sapo” = “sapone e si riferisce all’alto contenuto di saponine di queste piante, che fanno schiuma come il sapone.


 


Principi attivi:


Saponine fino al 5% (sapotossina, saporubina, acido saporubico, lattosina), flavonoidi saponarina, acido glicolico, acido glicemico, gomma, olii essenziali, grassi, zuccheri (galattano).


 


Uso interno (Soluzione idroalcoolica)


L’alto contenuto di saponine conferisce alla pianta proprietà espettoranti, mucolitiche e diuretiche inoltre possiede anche azioni depurative, antidermopatiche, lassative, antinfiammatorie, ipocolesterolemizzanti, coleretiche e diaforetiche.


Indicazioni: Bronchiti e catarri bronchiali, dermatosi croniche, eczemi desquamanti e seborroici, psoriasi, acne, artrosi, reumatismi, gotta, ipercolesterolemia.


Posologia: 20 gocce in poca acqua tre volte al giorno prima dei pasti.


 


Note: Le piante ricche in saponine sono spesso utilizzate in sinergia con altre droghe per le loro proprietà tensioattive che facilitano l’assorbimento di altri principi attivi.


La saponaria è particolarmente efficace nel trattamento di malattie della pelle.


 


Avvertenze ed effetti indesiderati: Le saponine possono causare irritazioni a livello gastro-intestinale e provocare nausea e vomito.


 


I testi sono coperti da diritti d’autore e possono essere utilizzati solo per consultazione in quanto gli autori (Marco Sarandrea e Walter Culicelli) li hanno autorizzati solo a questo scopo



*
*