Bosco Ginkgo Zafferano Marco Sarandrea - Furgoni pronti per le consegne -1960 circa -archivio fotografico Marco Sarandrea all'imbottigliamento - 1950 circa -archivio fotografico Prunella Marco Sarandrea- La prima sede- archivio fotografico Marco Sarandrea- Collaboratrici al lavoro -1950/1960- archivio fotografico
Piante officinali
A - B - C - D - E - F - G - H - I - J - K - L - M - N - O - P - Q - R - S - T - U - V - W - X - Y - Z
Ippocastano - Aesculus hippocastanum L.

Albero ampio alto fino a 10-15 mt. Le foglie sono grandi e spatolate riunite quasi a formare una foglia palmato composta. I fiori bianchi o rosei sono su racemi eretti verso l’alto.


IPPOCASTANO


Famiglia: Hippocastanaceae


Specie: Aesculus hippocastanum L..


Habitat: Diffuso a scopo ornamentale.


Parte utilizzata: Semi con tegumento/gemme delle foglie.


Epoca di raccolta: Autunno (le gemme in primavera)


 


Curiosità


Il nome Ippocastano deriva da castagna e cavallo = castagna del cavallo in quanto si riteneva giovasse ai cavalli. Altri nomi sono “Castagno d’India” e “Castagna cavallina”. Il nome latino del genere “Aesculus” deriva invece dal nome di una quercia sacra a Giove. I semi sono spesso chiamati “Castagne pazze” per distinguerli dalle castagne commestibili.


Principi attivi:


Triterpeni oleanici (escina, criptoescina, argirescina, afrodescina), triterpeni (proantocianidina, leucocianidina, tannini catechici), flavonoidi (quercitina, campferolo), glicosidi cumarinici, vitamine C e D e del gruppo B, amido 48%, olio fisso 4%, proteine 8-12%, zuccheri e Sali minerali.


Uso esterno (olii e pomate)


Indicazioni: Mialgie, reumatismi, contusioni, emorroidi, varici e cellulite.


Uso interno (Soluzione idroalcoolica dei semi o della corteccia)


L’Ippocastano esplica attività vasoprotettive e vasocostrittrici, antiedemigene, antinfiammatorie, diuretiche, fludificanti del sangue, venotrope e cappilarotrope, decongestionanti pelviche e prostatiche .


Indicazioni:  Varici, ulcere varicose, flebiti e tromboflebiti, edemi, emorroidi, capillariti, diminuzione del tono venoso, prostatiti, ipertrofia prostatica, stasi pelvica, geloni.


Posologia: 30 gocce in poca acqua tre volte al giorno lontano dai pasti.


Uso interno (Gemmoderivato delle gemme fogliari)


Il gemmoderivato possiede spiccate proprietà flebotoniche soprattutto a livello di vasi venosi pelvici ed emmoroidari.


Indicazioni:  Emorroidi, ipertrofia prostatica, varicocele, stasi pelvica, varici, ulcere varicose, acrocianosi, geloni, tromboflebiti emmorroidarie.


Posologia: 50 gocce in poca acqua tre volte al giorno lontano dai pasti.


Droghe sinergiche: AMAMELIDE, CENTELLA ASIATICA, ERIGERO, MELILOTO, PILOSELLA, RUSCO, QUERCIA O ROVERE, VERBASCO, VITE ROSSA


Avvertenze ed effetti indesiderati: A dosi elevate può determinare nausea, vomito e gastralgie. Nessun tipo di tossicità o effetti indesiderati nel caso del gemmoderivato. Recentemente i preparati a base dei semi con tegumento sono stati inclusi nella tabella A e quindi destinati al solo uso come farmaco. Nell’uso come integratore è invece consentito l’uso della corteccia che contiene, anche se in quantità minore, quasi gli stessi principi attivi come ad esempio l’escina che ne è quello caratterizzante.


 


I testi sono coperti da diritti d’autore e possono essere utilizzati solo per consultazione in quanto gli autori (Marco Sarandrea e Walter Culicelli) li hanno autorizzati solo a questo scopo


 


 



*
*