Bosco Ginkgo Zafferano Marco Sarandrea - Furgoni pronti per le consegne -1960 circa -archivio fotografico Marco Sarandrea all'imbottigliamento - 1950 circa -archivio fotografico Prunella Marco Sarandrea- La prima sede- archivio fotografico Marco Sarandrea- Collaboratrici al lavoro -1950/1960- archivio fotografico
Piante officinali
A - B - C - D - E - F - G - H - I - J - K - L - M - N - O - P - Q - R - S - T - U - V - W - X - Y - Z
Equiseto - Equisetum arvense L.

Pteridofita dal classico aspetto a coda di cavallo con fusto (rachide) suddiviso in segmenti e foglie filiformi e setolose che si dipartono a fitto raggio da ogni segmento. I fusti in riproduzione si distinguono per uno sporangio strobiliforme posto all’apice.


EQUISETO


Famiglia: Equisetaceae


Specie: Equisetum arvense L.


Habitat: Luoghi umidi, margine dei fossi.


Parte utilizzata: Fusti sterili.


Epoca di raccolta: Primavera inoltrata.


 


Curiosità


Detto anche “coda cavallina” il nome deriva dal latino “equus” = cavallo e da seta per le foglie sottili setolose.


Principi attivi:


Flavonoidi (isoquercitrina, galuteolina, gossipetina, erbacetina, equisetrina), steroli (isofucosterolo, campesterolo), Sali minerali (acido silicico 5-8%, calcio, magnesio, manganese, potassio), equisetonina, acido caffeico, acido ferulico, tracce di alcaloidi (nicotina, palustrina, 3-metosiipiridina).


Uso interno (Soluzione idroalcoolica)


L’equiseto tra le varie proprietà è noto per la sua azione diuretica e rimineralizzante. Infatti è ricco di Sali minerali come silicati, calcio, magnesio, manganese e potassio.


Indicazioni:  litiasi renali, osteoporosi, rachitismo, postumi di fratture ossee, prostatiti, enuresi notturna, unghie e capelli fragili epistassi ecc..


Posologia: 50 gocce in poca acqua tre-quattro volte al giorno lontano dai pasti.


Tisana


Preparare un infuso al 3% lasciando infondere per circa 10 minuti.


Note: La tisana o la polvere in compresse sono sicuramente più ricche di silicati. Ne è più povera la soluzione idroalcoolica ma in essa i silicati sono più biodisponibili.


Droghe sinergiche: ARTIGLIO DEL DIAVOLO, BORSA PASTORE, BUCCO, CENTINODIA, ERIGERON, FIENO GRECO, FUCUS, GENZIANA, GRAMIGNA, LAMIO BIANCO, LEVISTICO, ONONIDE, ORTHOSIPHON, PILOSELLA, SPIREA OLMARIA


Avvertenze ed effetti indesiderati: non segnalati.


 


I testi sono coperti da diritti d’autore e possono essere utilizzati solo per consultazione in quanto gli autori (Marco Sarandrea e Walter Culicelli) li hanno autorizzati solo a questo scopo


 


 



*
*