Bosco Ginkgo Zafferano Marco Sarandrea - Furgoni pronti per le consegne -1960 circa -archivio fotografico Marco Sarandrea all'imbottigliamento - 1950 circa -archivio fotografico Prunella Marco Sarandrea- La prima sede- archivio fotografico Marco Sarandrea- Collaboratrici al lavoro -1950/1960- archivio fotografico
Piante officinali
A - B - C - D - E - F - G - H - I - J - K - L - M - N - O - P - Q - R - S - T - U - V - W - X - Y - Z
Carciofo-Cynara scolymus L.

CARCIOFO



Famiglia: Compositae (Asteraceae)
Specie: Cynara scolymus L. sin. Cynara cardunculus L. ssp. scolymus
Habitat: Diffusamente coltivato in Italia.
Parte utilizzata: Foglie.



Epoca di raccolta: Prima dell’apertura del fiore.
Pianta erbacea perenne alta fino a 150 cm. con brattee spinose e fiori tubuliflori purpureo-violacei.
Alla fioritura il fusto fiorale tende a crescere in altezza ed a ramificarsi. La parte commestibile è il
bocciolo del fiore. Le foglie sono di varia forma e simili a quelle dell’acanto ma di colore grigio
tomentoso.
Curiosità
Secondo alcuni il nome del genere deriva da “cinis”= cenere con la quale si concimava. Secondo
altri, secondo la mitologia latina, deriva da “Cynara”, nome di una bella fanciulla dai capelli color
cenere che Giove, innamorandosene, trasformò in carciofo. Il nome della specie “scolymus” deriva
dal greco e significa “appuntito”. Il nome volgare “carciofo” deriva dall’arabo “kerschouff”.
Principi attivi:
Lattoni sesquiterpenici guaianolidici, polifenoli (acidi caffeilchimici, acido caffeico, acido chinico),
flavonoidi (cinaroside, scolimoside, cinaratrioside), steroli, saponosidi, alcoli triterpenici,
tarassasterolo, batasitosterolo, acido clorogenico, Sali minerali (fino al 15%) (potassio, calcio,
magnesio), cinarina (la cinarina nella droga fresca è contenuta in minime tracce essa aumenta di
concentrazione sottoponendo la droga ad ebollizione in acqua).
Uso interno (Soluzione idroalcoolica)
Possiede proprietà aperitive, coleretiche, epatoprotettrici, depurative, diuretiche ipolipidemizzanti e
ipoglicemizzanti.
Indicazioni: Insufficienza epatica, epatopatie e colecistopatie, arteriosclerosi, contro il colesterolo,
stipsi, cellulite, iper uricemia e azotemia, ritenzione idrica.
Posologia: 50 gocce in poca acqua tre volte al giorno prima dei pasti.
Tisana
La tisana si prepara con infuso al 3% in acqua bollente per 15 minuti.
Droghe sinergiche: BARDANA, BETULLA, BOLDO, CURCUMA, FUMARIA, MARRUBIO,
OLIVO, ORTHOSIPHON, PILOSELLA, TARASSACO, TIGLIO
Avvertenze ed effetti indesiderati: Nelle donne che allattano può diminuire la secrezione lattea.
I testi sono coperti da diritti d’autore e possono essere utilizzati solo per consultazione in quanto gli autori
(Marco Sarandrea e Walter Culicelli) li hanno autorizzati solo a questo scopo

*
*