Bosco Ginkgo Zafferano Marco Sarandrea - Furgoni pronti per le consegne -1960 circa -archivio fotografico Marco Sarandrea all'imbottigliamento - 1950 circa -archivio fotografico Prunella Marco Sarandrea- La prima sede- archivio fotografico Marco Sarandrea- Collaboratrici al lavoro -1950/1960- archivio fotografico
Piante officinali
A - B - C - D - E - F - G - H - I - J - K - L - M - N - O - P - Q - R - S - T - U - V - W - X - Y - Z
Asperulla - Asperula odorata L.

Pianta erbacea perenne alta 10-30 cm con foglie lanceolate disposte su verticilli di quattro-otto foglie e fiori bianchi e profumati riuniti in corimbi apicali. E’facile da individuare specie nel sottobosco do faggio dove forma dense colonie.


ASPERULA


Famiglia: Rubiaceae


Specie: Asperula odorata L. sin. Valium odoratum (L.) Scop.


Habitat: Zone ombrose montane spesso nella faggeta.


Parte utilizzata: Pianta fiorita.


Epoca di raccolta: Luglio-agosto


Curiosità


Detta anche stellina odorosa nell’uso popolare la pianta essiccata veniva messa in sacchetti per profumare la biancheria.


Principi attivi:


Cumarine, Glicoside iridoide (asperuloside), sostanze amare, tannini.


Uso interno


Soluzione idroalcoolica


L'Asperula contiene lipidi, vitamina C (le foglie), cumarine e pigmenti.  Le sue proprietà sono: depurative, diuretiche, sedative, toniche, antisettiche, colagoghe


Indicazioni: Nervosismo nei bambini e negli anziani, insonnia, spasmi e dispepsia gastrica, tromboflebiti.


Posologia: 30 gocce in poca acqua dopo i pasti principali.


Tisana


La tisana si prepara con infuso al 1,5-2% della pianta essiccata in una tazza di acqua bollente per 5 minuti.


Avvertenze ed effetti indesiderati: La presenza di cumarine ne sconsiglia l’uso in associazione con farmaci anticoagulanti o antiaggreganti piastrinici.


 


I testi sono coperti da diritti d’autore e possono essere utilizzati solo per consultazione in quanto gli autori (Marco Sarandrea e Walter Culicelli) li hanno autorizzati solo a questo scopo



*
*