Bosco Ginkgo Zafferano Marco Sarandrea - Furgoni pronti per le consegne -1960 circa -archivio fotografico Marco Sarandrea all'imbottigliamento - 1950 circa -archivio fotografico Prunella Marco Sarandrea- La prima sede- archivio fotografico Marco Sarandrea- Collaboratrici al lavoro -1950/1960- archivio fotografico
Piante officinali
A - B - C - D - E - F - G - H - I - J - K - L - M - N - O - P - Q - R - S - T - U - V - W - X - Y - Z
Asparago - Asparagus officinalis L.

ASPARAGO


 


 


Famiglia: Liliacee


Specie: Asparagus sativus Bank.


Habitat: Terreni sabbiosi dell’Europa e Asia occidentale temperata.


Parte utilizzata: Rizoma e radici


Epoca di raccolta: Aprile -Maggio


 


Piante erbacee perenni caratterizzate da radici che producono germogli squamosi il cui nome scientifico è turioni.


Curiosità


Appartengono alla stessa famiglia dell’aglio con la differenza che gli asparagi sono ricchi di clorofilla


 


Principi attivi:


Saponine steroidiche(asparagosidi A,B,C,D),. Flavonoidi ( rutina, quercetina, campferolo). Glicosidi amari ( asparagina, asparagosio, Sali di potassio, arginina e colina)


 


Uso interno (Soluzione idroalcoolica)


L’asparago è utile nel drenaggio dei liquidi corporei, ha attività nella funzionalità delle vie urinarie ed ha proprietà depurative per l’organismo


Posologia: 30 gocce in poca acqua tre volte al giorno prima dei pasti principali.


 


 


Avvertenze ed effetti indesiderati: L’attività diuretica dell’asparago deriva dalla sua azione irritante  dell’epitelio secernente del rene. E’ infatti controindicato nella calcolosi renale e vescicale, cistite, gotta, nefrite e diabete.


 


I testi sono coperti da diritti d’autore e possono essere utilizzati solo per consultazione in quanto gli autori (Marco Sarandrea e Walter Culicelli) li hanno autorizzati solo a questo scopo

*
*