Bosco Ginkgo Zafferano Marco Sarandrea - Furgoni pronti per le consegne -1960 circa -archivio fotografico Marco Sarandrea all'imbottigliamento - 1950 circa -archivio fotografico Prunella Marco Sarandrea- La prima sede- archivio fotografico Marco Sarandrea- Collaboratrici al lavoro -1950/1960- archivio fotografico
Piante officinali
A - B - C - D - E - F - G - H - I - J - K - L - M - N - O - P - Q - R - S - T - U - V - W - X - Y - Z
Timo serpillo - Thymus serpyllum L.

SERPILLO


 


Famiglia: Labiatae


Specie: Thymus serpyllum L.


Habitat: Luoghi erbosi e pendii soleggiati montani.


Parte utilizzata: Parte aerea fiorita.


Epoca di raccolta: Primavera-estate


 


Pianta legnosa interamente strisciante che crea estesi tappeti. Foglie ellittiche e opposte di colore verde intenso. I fiori sono in dense spiche rosee e monolabiate e sono su scapi eretti.


 


Curiosità
Il nome del genere deriva dal greco “thymos” = profumare mentre il nome specifico e quello volgare sono un chiaro riferimento al portamento “serpeggiante” della pianta.


 


Principi attivi:


Olii essenziali fino all’1% (timolo, carvacrolo, linaiolo, p-cimbolo, geraniolo), flavonoidi (apigenina, luteolina, diosmetina, scutellareina), triterpeni (acido oleanolico, acido ursolico), serpillina, tannini.


 


Uso interno (Soluzione idroalcoolica)


Proprietà antisettiche, espettoranti, mucolitiche, antitussive, spasmolitiche, eupeptiche, carminative, leggermente antidiarroiche, antigonadotrope.


Indicazioni: Bronchiti acute e croniche, tosse stizzosa o asmatica, pertosse e laringiti, dispepsie, astenia, meteorismo, parassitosi intestinali, diarree, dismenorrea.


Posologia: 30 gocce in poca acqua tre volte al giorno lontano dai pasti.


 


Tisana


Infuso al 5% lasciato in acqua bollente per 10-15 minuti.


 


Note: Nel caso di affezioni bronchiali e delle prime vie aeree il serpillo, soprattutto nei bambini, è preferibile rispetto al timo volgare.


 


Avvertenze ed effetti indesiderati: Non segnalati


 


I testi sono coperti da diritti d’autore e possono essere utilizzati solo per consultazione in quanto gli autori (Marco Sarandrea e Walter Culicelli) li hanno autorizzati solo a questo scopo


 

*
*