Bosco Ginkgo Zafferano Marco Sarandrea - Furgoni pronti per le consegne -1960 circa -archivio fotografico Marco Sarandrea all'imbottigliamento - 1950 circa -archivio fotografico Prunella Marco Sarandrea- La prima sede- archivio fotografico Marco Sarandrea- Collaboratrici al lavoro -1950/1960- archivio fotografico
Piante officinali
A - B - C - D - E - F - G - H - I - J - K - L - M - N - O - P - Q - R - S - T - U - V - W - X - Y - Z
Satureia montana L.

SATUREIA MONTANA   -   SANTOREGGIA


 


Famiglia: Labiatae


Specie: Satureia montana L.


Habitat: Pendii aridi pedemontani.


Parte utilizzata: Pianta fiorita.


Epoca di raccolta: Fine estate


 


Pianta perenne con forte odore aromatico alta fino a 30 cm. Fusti legnosi alla base, pubescenti, più o meno tetragoni, eretti, di norma ampiamente ramificati, tanto da formare un piccolo cespuglio. Foglie di colore verde brillante, opposte, assai distanziate sul fusto, intere, lineari-lanceolate, coriacee, bordate da piccole ciglia, e portano un fascetto di 2-8 foglioline all’ascella ghiandolosa.
Fiori profumati e bianchi, raccolti in spighe all’ascella delle foglie superiori.


 


Curiosità
Il nome deriva dal latino satura = ciotola per legumi, probabilmente perché venivano insaporiti con questa pianta. Il nome specifico deriva dal suo habitat.La Santoreggia era conosciuta dagli antichi romani col nome di Satureia = Erba dei satiri per la sua pelosità che richiamava quella dei satiri, ma anche per le sue ritenute notevoli proprietà afrodisiache, tanto che gli antichi raccomandavano moderazione nel suo consumo, per non scatenare una sessualità smodata ed incontrollabile.


 


Principi attivi:


Olii essenziali fino all’1,6% (carvacrolo, p-cimene, timolo, alfa e beta pinene, mircene, limonene, cineolo, borneolo, linaiolo, alfa terpineolo), acidi triterpenici (ursolico, oleanolico), tannini fino all’8,5%, acidi fenolici (caffeico, rosmarinico).


 


Uso interno (Soluzione idroalcoolica)


La santoreggia, da alcuni chiamata anche “ginseng italiano” possiede proprietà toniche, stimolanti, antisettiche, antibatteriche e antimicotiche, carminative, afrodisiache, astringenti, antielmintiche, coleretiche, spasmolitiche ed espettoranti.


Indicazioni: Impotenza sessuale, frigidità, astenia e covalescenze, dispepsie, ascaridiosi, ossiuriasi, diarree, flautolenze, angina (uso locale con gargarismi), bronchiti croniche.


Posologia: 30 gocce in poca acqua tre volte al giorno dopo i pasti.


 


Tisana


Infuso al 5% da utilizzare per uso esterno.


 


Droghe sinergiche: GINSENG, ELEUTEROCOCCO, GUARANA’, MUIRAPUAMA.


 


Note:La Satureiahortensis possiede le stesse proprietà.


 


Avvertenze ed effetti indesiderati: Può provocare, in taluni casi, eruzioni cutanee.


 


I testi sono coperti da diritti d’autore e possono essere utilizzati solo per consultazione in quanto gli autori (Marco Sarandrea e Walter Culicelli) li hanno autorizzati solo a questo scopo


 

*
*