Bosco Ginkgo Zafferano Marco Sarandrea - Furgoni pronti per le consegne -1960 circa -archivio fotografico Marco Sarandrea all'imbottigliamento - 1950 circa -archivio fotografico Prunella Marco Sarandrea- La prima sede- archivio fotografico Marco Sarandrea- Collaboratrici al lavoro -1950/1960- archivio fotografico
Piante officinali
A - B - C - D - E - F - G - H - I - J - K - L - M - N - O - P - Q - R - S - T - U - V - W - X - Y - Z
Hieracium pilosella L.

HIERACIUM PILOSELLA   -  PILOSELLA


 


Famiglia: Compositae (Asteraceae)


Specie: Hieracium pilosella L.


Habitat: Ovunque su suoli ben drenati e assolati fino all’alta montagna.


Parte utilizzata: Pianta intera fiorita.


Epoca di raccolta: Tarda primavera-estate


 


Pianta erbacea perenne alta fino a20 cm, con rizoma strisciante, da cui nascono una rosetta basale e diversi stoloni, fusto eretto e privo di foglie. Foglie intere spatolate e lanceolate formanti una rosetta basale e completamente coperte di peli ispidi, bianche nella pagina inferiore. I fiori sono capolini solitari di2 cmdi diametro, con fiori ligulati di colore giallo chiaro, con sfumature rossastre.


 


Curiosità
Il nome del genere deriva dal greco “Hierax” = sparviero mentre il nome comune e della specie è un evidente riferimento alla pelosità ispida delle foglie. Il riferimento allo sparviero (uccello rapace del bosco) pare sia dovuto alla vista acuta del rapace e quindi alle presunte proprietà di migliorare la vista mangiandone i frutti. I fiori nell’acqua del bagno fortificano e tonificano la pelle. Santa Hildegarda nel XII la annoverava come "tonico del cuore" Le foglie giovani possono essere consumate lessate e condite.


 


Principi attivi:


Flavonoidi (luteoloside, glicosidi dell’apigenolo), Cumarine (umbelliferone), Polifenoli (acido caffeico e clorogenico), tannini, saponosidi triterpenici, sostanze amare, resine, manganese.


 


Uso interno (Soluzione idroalcoolica)


Potente diuretica la pilosella esplica anche attività antiuriche, decloruranti, ipoazotemiche, antimicrobiche, e astringenti.


Indicazioni: Cellulite, oligurie ed edemi, aumento del peso dovuto a ritenzione idrica, ipertensione arteriosa, litiasi urica, cistiti ricorrenti, iperuricemia, colibacillosi, febbre maltese.


Posologia: 50 gocce in poca acqua tre volte al giorno lontano dai pasti.


 


Droghe sinergiche: ALKEKENGI, ARTIGLIO DEL DIAVOLO, CARCIOFO, CARDO MARIANO, CENTELLA ASIATICA, EQUISETO, FRASSINO, FUCUS, MAIS, MIRTILLO ROSSO, ORTHOSIPHON, RUSCO, TARASSACO.


 


Note: solo i preparati da pianta fresca hanno efficacia.


 


Avvertenze ed effetti indesiderati: Non segnalati.


 


I testi sono coperti da diritti d’autore e possono essere utilizzati solo per consultazione in quanto gli autori (Marco Sarandrea e Walter Culicelli) li hanno autorizzati solo a questo scopo

*
*