Bosco Ginkgo Zafferano Marco Sarandrea - Furgoni pronti per le consegne -1960 circa -archivio fotografico Marco Sarandrea all'imbottigliamento - 1950 circa -archivio fotografico Prunella Marco Sarandrea- La prima sede- archivio fotografico Marco Sarandrea- Collaboratrici al lavoro -1950/1960- archivio fotografico
Piante officinali
A - B - C - D - E - F - G - H - I - J - K - L - M - N - O - P - Q - R - S - T - U - V - W - X - Y - Z
Panace - Heracleum sphondylium L.

PANACE


 


Famiglia: Umbelliferae


Specie: Heracleum sphondylium L.


Habitat: Luoghi montani umidi e ombrosi fino a2500 m. s.l.m.


Parte utilizzata: Pianta fiorita


Epoca di raccolta: Estate


 


Pianta alta fino a2 m., robusta, rizomatosa, di aspetto erbaceo con fusti cavi, scanalati e rivestiti di setole dure e cespitose, ha inteso odore aromatico. Le foglie grandi sino a60 cm, sono di aspetto estremamente variabile, le inferiori sono sorrette da un picciolo a gronda, divise in segmenti lobati 3-5-7 grossolanamente dentati, le superiori sono sessili. I fiori hanno corolle bianche o raramente rosate, formano grandi ombrelle che raggiungono facilmente i20 cmdi diametro.


 


Curiosità


Dal greco” herákleion” “in onore di Eracle”, con riferimento alle grandi dimensioni di alcune specie, il nome specifico in greco significa “vertebra”, con riferimento al fusto con nodi ingrossati, simili a vertebre. Il nome volgare di panace, fa riferimento alle supposte molteplici virtù terapeutiche, una panacea appunto. Famose nel Rinascimento contro le crisi depressive. L'infuso della radice con le foglie insieme a quello di zafferano è una ricetta per combattere impotenza e frigidità nota fin dall'antico Egitto. Tra i profumi più famosi dell'età classica si annoverano “Amarkinon” e “Unguento reale”, entrambi erano composti anche da panace.


 


Principi attivi:


Olii essenziali (n-octilacetato, n-octilcapronato, butirato di etile, furanocumarine (angelicina, psoralene, bergaptene, pimpinellina, imperatorina), resine, principio amaro.


 


Uso interno (Soluzione idroalcoolica)


Possiede proprietà afrodisiache, blandamente ipotensive, diuretiche e amaro-toniche.


Indicazioni: Astenia sessuale, anoressia, ipertensione arteriosa, impotenza psicogena.


Posologia: 35 gocce in poca acqua tre volte prima dei pasti.


 


 


Avvertenze ed effetti indesiderati: Non segnalati


 


I testi sono coperti da diritti d’autore e possono essere utilizzati solo per consultazione in quanto gli autori (Marco Sarandrea e Walter Culicelli) li hanno autorizzati solo a questo scopo


 

*
*