Bosco Ginkgo Zafferano Marco Sarandrea - Furgoni pronti per le consegne -1960 circa -archivio fotografico Marco Sarandrea all'imbottigliamento - 1950 circa -archivio fotografico Prunella Marco Sarandrea- La prima sede- archivio fotografico Marco Sarandrea- Collaboratrici al lavoro -1950/1960- archivio fotografico
Piante officinali
A - B - C - D - E - F - G - H - I - J - K - L - M - N - O - P - Q - R - S - T - U - V - W - X - Y - Z
Lotus cornicolatus L.

LOTUS CORNICOLATUS   -   GINESTRINO


 


Famiglia: Leguminosae


Specie: Lotus cornicolatus L.


Habitat: Prati, luoghi aridi, pendii soleggiati.


Parte utilizzata: pianta intera fiorita


Epoca di raccolta: Tarda primavera-estate.


 


 


Pianta erbacea alta 10-15 cm. con foglie trifogliate e fiorellini gialli come quelli di una ginestra. I fiori sono disposti quasi a ferro di cavallo e sono spesso soffusi di color arancio.


 


Curiosità


Il nome deriva dal greco “lotos” nome caratteristico con il quale si indicavano tutte le piante da foraggio.


 


Principi attivi:


Glicosidi flavonoidici e fenolici, composti cianogenetici, acido cianidrico (nei fiori)


 


Uso interno (Soluzione idroalcoolica)


Possiede proprietà sedative nervose e antispasmodiche.


Indicazioni:  Ansia, angoscia, insonnia, distonie neurovegetative.


Posologia: 30 gocce in poca acqua due volte al giorno dopo i pasti (40-50 gocce prima di coricarsi nei casi di insonnia).


.


Tisana


L’infuso al 3% in acqua bollente per 10 minuti.


 


Droghe sinergiche: PASSIFLORA INCARNATA, ROSOLACCIO ,TIGLIO


 


Avvertenze ed effetti indesiderati: non segnalati


 


I testi sono coperti da diritti d’autore e possono essere utilizzati solo per consultazione in quanto gli autori (Marco Sarandrea e Walter Culicelli) li hanno autorizzati solo a questo scopo


 

*
*