Bosco Ginkgo Zafferano Marco Sarandrea - Furgoni pronti per le consegne -1960 circa -archivio fotografico Marco Sarandrea all'imbottigliamento - 1950 circa -archivio fotografico Prunella Marco Sarandrea- La prima sede- archivio fotografico Marco Sarandrea- Collaboratrici al lavoro -1950/1960- archivio fotografico
Piante officinali
A - B - C - D - E - F - G - H - I - J - K - L - M - N - O - P - Q - R - S - T - U - V - W - X - Y - Z
Calluna vulgaris L.

CALLUNA VULGARIS   -   ERICA


 


Famiglia: Ericaceae


Specie: Calluna vulgaris L.


Habitat: Praterie alpine e zone acquitrinose.


Parte utilizzata: sommità fiorite/giovani getti.


Epoca di raccolta: Luglio-agosto.


 


 


Piccolo arbusto perenne alto circa 20-25 cm. con foglie brevi e sottili disposte lungo i fusti (come un piccolo rosmarino) i fiori, piccolissimi e bianco-rosei, sono sparsamente distribuiti nella parte superiore come campanelline richiuse.


 


Curiosità


Il nome del genere viene dal greco “kallynein” = pulire da qui il detto “per far scope”. Il nome Erica deriva dal greco Eréiko ( frangere ) perchè si credeva fosse utile per spezzare i calcoli renali; secondo altri, perchè i rami sono molto fragili, e secondo altri ancora per la proprietà di rompere la roccia con le sue radici. Altro nome volgare è “Brugo” = piccola scopa.


 


Principi attivi:


Arbutina, acido citrico, acido fumario, idrochinone, quercitina, miricetina, tannino catechico, e olii essenziali in tracce.


 


Uso interno (Soluzione idroalcoolica delle sommità fiorite)


L’erica possiede proprietà diuretiche, blandamente antisettiche delle vie urinarie e debolmente sedative.


Indicazioni:  Infiammazioni delle vie urinarie, uretriti, cistiti, litiasi pratica.


Posologia: 40 gocce in poca acqua tre volte al giorno lontano dai pasti.


 


Uso interno (Gemmoderivato dei giovani getti)


Nelle preparazioni a base di tessuti meristematici l’erica ha proprietà antinfiammatorie e antidegenerative.


Indicazioni:  Processi degenerativi cronici, artrite reumatoide, pielonefrite cronica, infezioni delle vie urinarie, prostatiti, calcolosi delle vie urinarie.


Posologia: 40 gocce in poca acqua due volte al giorno (al mattino e la sera prima di coricarsi).


 


Tisana


Preparare un infuso al 2-3% lasciando infondere per circa 10 minuti.


 


Droghe sinergiche: CORBEZZOLO, UVA URSINA


 


Avvertenze ed effetti indesiderati: non segnalati.


 


I testi sono coperti da diritti d’autore e possono essere utilizzati solo per consultazione in quanto gli autori (Marco Sarandrea e Walter Culicelli) li hanno autorizzati solo a questo scopo


 

*
*