Bosco Ginkgo Zafferano Marco Sarandrea - Furgoni pronti per le consegne -1960 circa -archivio fotografico Marco Sarandrea all'imbottigliamento - 1950 circa -archivio fotografico Prunella Marco Sarandrea- La prima sede- archivio fotografico Marco Sarandrea- Collaboratrici al lavoro -1950/1960- archivio fotografico
Piante officinali
A - B - C - D - E - F - G - H - I - J - K - L - M - N - O - P - Q - R - S - T - U - V - W - X - Y - Z
Hamamelis virginiana L.

HAMAMELIS VIRGINIANA   -   AMAMELIDE


 


 


Famiglia: Hamamelidacee


Specie: Amamelis virgininiana


Habitat: America settentrionale , alcune zone dell’Asia. Coltivata in Europa


Parte utilizzata: Foglie e corteccia essiccata


Epoca di raccolta: Estate


 


 


Pianta a portamento arbustivo che raggiunge anche i sei metri di altezza, simile al Nocciolo ha le foglie caduche di colore verde brunastro che diventa giallo ocra in autunno. I fiori si radunano a due o atre e si aprono a settembre ottobre.


 


 


Principi attivi:


Foglie: Tannini 8-10% (gallotannini, catechine, proantocianidine). Flavonoidi (quercetina, campferolo, miricetina), Olio essenziale 0,5% (esetolo, alfa e beta ionone). Colina.


Corteccia: Tannini 1-7%  (hamamelitannino). Saponine. Olio essenziale. Resina


 


 


Uso interno (Soluzione idroalcoolica)


Azioni: Presenta un’azione astringente vaso regolatrice sull’albero venoso, da cui deriva l’uso in caso di pesantezza alle gambe e problemi ai capillari


Posologia: 40  gocce in poca acqua due volte al giorno lontano dai pasti


 


Avvertenze ed effetti indesiderati:  La colina contenuta nelle foglie di Amamelide può provocare effetti di tipo colinergico quali: sudorazione fredda, abbondante salivazione, disturbi visivi.


 


I testi sono coperti da diritti d’autore e possono essere utilizzati solo per consultazione in quanto gli autori (Marco Sarandrea e Walter Culicelli) li hanno autorizzati solo a questo scopo

*
*