Bosco Ginkgo Zafferano Marco Sarandrea - Furgoni pronti per le consegne -1960 circa -archivio fotografico Marco Sarandrea all'imbottigliamento - 1950 circa -archivio fotografico Prunella Marco Sarandrea- La prima sede- archivio fotografico Marco Sarandrea- Collaboratrici al lavoro -1950/1960- archivio fotografico
Piante officinali
A - B - C - D - E - F - G - H - I - J - K - L - M - N - O - P - Q - R - S - T - U - V - W - X - Y - Z
Agrimonia -Agrimonia eupatoria L.

AGRIMONIA


Famiglia: Rosaceae


Specie: Agrimonia eupatoria L.


Habitat: Colline e zone sub montane vicino a cespugli o margine dei boschi.


Parte utilizzata: Pianta intera fiorita.


Epoca di raccolta: Maggio-agosto


Pianta erbacea perenne alta da 30 a 100 cm. Con foglie simili a quella della fragola e piccoli fiori gialli riuniti a formare una lungo racemo sommitale.


Curiosità


Sull’origine del nome alcuni sostengono derivi dal latino “Argemonia” dal nome di un papavero “Papaver argemone” usato per curare una malattia degli occhi detta “Arghema”. Altri invece dal latino “agri moenia”= difesa del campo dato che spesso vegeta copiosa ai bordi dei campi. Il nome eupatoria è un evidente riferimento alla sua azione epatica. Altri nomi: Erba melina, erba di S. Guglielmo, erba vettonica,  eupatorio dei Greci.


 


Principi attivi:


Olii essenziali 0,2%, Flavonoidi (apigenina, luteolina, quercitina), Triterpeni (acido ursolico 0,6%), Antocianine , Glicoside amaro (eupatorina), Acidi (ellagico, clorogenico, caffeico), Tannini, Vitamine (B1, K, C), zuccheri.


 


 


Uso esterno


Il decotto al 30% è ottimo per gargarismi come tonico della voce e come collutorio.


 


Uso interno


 


Soluzione idroalcoolica


Antinfiammatoria; leggermente coleretica e colagoga; antiallergica; ipoglicemizzante; decongestionante, antisettica e cicatrizzante


Indicazioni: Affezioni epatiche croniche, enteriti e gastriti catarrali, diarree, incontinenza urinaria, orticaria e prurito in genere, stomatiti, tonsilliti, reumatismo.


Posologia: 30-50 gocce in poca acqua dopo i pasti principali.


 


Tisana


Infuso all’1-2% in acqua bollente per 10 minuti, nel caso di uso esterno (gargarismi) meglio il decotto al 30%.


 


Droghe sinergiche: MIRTILLO NERO


 


Avvertenze ed effetti indesiderati: Non segnalati


 


I testi sono coperti da diritti d’autore e possono essere utilizzati solo per consultazione in quanto gli autori (Marco Sarandrea e Walter Culicelli) li hanno autorizzati solo a questo scopo




 

*
*