Bosco Ginkgo Zafferano Marco Sarandrea - Furgoni pronti per le consegne -1960 circa -archivio fotografico Marco Sarandrea all'imbottigliamento - 1950 circa -archivio fotografico Prunella Marco Sarandrea- La prima sede- archivio fotografico Marco Sarandrea- Collaboratrici al lavoro -1950/1960- archivio fotografico
Piante officinali
A - B - C - D - E - F - G - H - I - J - K - L - M - N - O - P - Q - R - S - T - U - V - W - X - Y - Z
Luppolo - Humulus lupulus L.

LUPPOLO


Famiglia: Cannabinaceae


Specie: Humulus lupulus L.


Habitat: Zone umide, lungo i fossi e le sponde dei fiumi.


Parte utilizzata: infiorescenze femminili


Epoca di raccolta: Fine estate-autunno.


E’ una pianta perenne e dioica con grosso rizoma carnoso dal quale si sviluppano in primavera fusti ( con 6 strie scure nelle quali sono inserite spine brevi e ottuse), erbacei lunghi diversi metri, che incapaci di sostenersi si avvinghiano con le piccole spine uncinate di cui sono rivestiti, a qualsiasi sostegno vicino.


Curiosità


Il nome deriva dal latino humus = terra per la disposizione prostrata dei fiori. Il termine specifico “lupulus” deriva da Lupo forse per la sua natura selvaggia. Può stupire l'apprendere che il luppolo appartiene alla stessa famiglia della Cannabis; in effetti questa pianta è conosciuta sin dai tempi più remoti per i suoi effetti soporiferi e calmanti. I lavoratori delle vecchie fabbriche di birra, trattando il luppolo, dopo lungo tempo accusavano sonnolenza e dovevano interrompere il lavoro periodicamente per evitare di cadere addormentati.


 


Principi attivi:


Olii essenziali fino allo 0,8% (umulene, beta-cariofillene, mircene, farnesene), flavonoidi (quercitina, campferolo, leucocianidina, leucodelfinidina), resine 3-12% (ululone, lupulene, colupulene), sostanze ad azione estrogenica, tannini, lipidi, xantoumulone).


 


Uso interno (Soluzione idroalcoolica)


Possiede proprietà eupeptiche, stomachiche, sedative, ipnotiche, antispasmodiche, anafrodisiache maschili, antibatteriche, diuretiche.


Indicazioni: gastropatie nervose, insonnia, ansietà, nevrosi sessuali, infezioni delle vie urinarie, anoressia, dispepsia, enuresi notturna, dismenorrea.


Posologia: 35 gocce in poca acqua due volte al giorno dopo i pasti principali. Nei casi di insonnia 50-60 gocce la sera prima di coricarsi.


 


Tisana


L’infuso al 0,5% in acqua bollente per 10 minuti.


 


Droghe sinergiche: AGNOCASTO, CIMICIFUGA, ALFA-ALFA, GENZIANA, GENZIANELLA, GINSENG, MELILOTO, MELISSA, ORTICA, PASSIFLORA, ROSOLACCIO, SALICE SALVIA, TARASSACO, VALERIANA OFFICINALE


 


Avvertenze ed effetti indesiderati: Controindicato negli stati depressivi e nelle donne, per l’azione follicolino-simile è bene non effettuare cure prolungate o dosaggi troppo elevati.


 

*
*